Home

Posta elettronica certificata

Gentile Collega,

al fine di offrire l'opportunità a tutti i colleghi iscritti di accedere e utilizzare la propria Posta Elettronica Certificata - P.E.C. è con piacere che riportiamo nuovamente di seguito (link "continua") la guida per l'attivazione della stessa. Sono inoltre disponibili alcune informazioni relative all'utilità e obbligatorietà di adozione della P.E.C. da parte di tutti i professionisti.

Per informazioni siamo a disposizione via e-mail (info@opi.tn.it) o telefono (0461 239989) in orario di apertura della segreteria.   

Un caro saluto e grazie a tutti/e Voi.

Il Consiglio Direttivo OPI Trento

Link al documento "Guida attivazione P.E.C."



Comunicato stampa

 

Comunicato pdf


Posizione OPI Trento in merito al pre accordo CCNL Sanità

Gentilissime/i Colleghe/i infermieri, assistenti sanitari e infermieri pediatrici,

con la presente desideriamo condividere con Voi la nota trasmessa agli Organi Politici provinciali relativamente ad alcune criticità contenute nel pre - accordo del contratto nazionale di lavoro del comparto sanità. Si è ritenuto di intervenire con una nota pubblica affiancando la lettera del 21 marzo 2018 della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche (rinvenibile nella precedente nota), non con intenti sindacali, ma in rappresentanza degli oltre 4.400 infermieri, assistenti sanitarie e infermieri pediatrici iscritti, per la necessità di affermare anche a livello provinciale:
- la centralità della sicurezza e la dignità della professione infermieristica nell’esercizio professionale in tutti i contesti di lavoro: APSP/RSA, Istituti privati convenzionati, libero professionale, APSS;
- l’infungibilità delle competenze infermieristiche con il riconoscimento a tutti i livelli;
- la valorizzazione della professione infermieristica in tutte le sue forme di esercizio.

Auspichiamo che questi suggerimenti siano di forte orientamento per le prossime e future decisioni di politica sanitaria e relative declinazioni nel sistema sanitario nazionale/provinciale e nell’esercizio professionale in termini di riconoscimento della professione per il suo valore e il suo contributo all’interno del sistema salute.

Cogliamo l’occasione per chiedere la Vostra collaborazione a diffondere questa nota ai colleghi attraverso canali anche informali per coloro che non hanno attivato la casella di posta PEC.

Vi aspettiamo in tanti alla prossima assemblea, che si terrà in maggio (data non ancora definita) per condividere programma e agenda del nostro triennio.
Intanto potete seguirci e inoltrare suggerimenti a:
- sito web: www.ipasvi.tn.it
- Facebook: Ordine professioni infermieristiche di Trento
- e-mail info@opi.tn.it

Un caro saluto e un grazie per tutto ciò che state facendo per la professione e la salute dei nostri pazienti-cittadini.

Il Presidente Daniel Pedrotti e tutti i componenti del Consiglio Direttivo dell’OPI di Trento

Nota OPI TN del 26 marzo 2018 pdf

 

Posizione della FNOPI sulla pre intesa del contratto sanità

Nelle osservazioni della FNOPI del 21 marzo - testo integrale negli allegati - si riaffermano cinque principi: dignità professionale, contratto coerente con lo sviluppo della professione, regole di riferimento funzionali alle potenzialità professionali, necessità di valorizzazione economica in base alla responsabilità, pari opportunità professionali.
Emergono proposte su tre argomenti: classificazione professionale, definizione degli incarichi di funzione, organizzazione del lavoro.

Nota FNOPI del 21 marzo 2018 pdf


Il Consiglio Direttivo ed il Collegio dei Revisori dei Conti dell'Ordine delle Professioni infermieristiche di Trento anno 2018-20

 

   

Lettera agli iscritti pdf

FNOPI / Formazione e Ricerca / FAD

A seguire il link di collegamento ai sei corsi FAD promossi da FNOMCeO e FNOPI 

 

http://www.ipasvi.it/ecm/fad.htm

 

Il Papa incontra gli Infermieri, le assistenti sanitarie e le vigilatrici d'infanzia

 

Fonte immagine: By Solomenco bogdan (Made by Bogdan Solomenco) [CC0], via Wikimedia Commons

 

Il Papa ha nuovamente sottolineato la Sua vicinanza alle nostre professioni di aiuto ai cittadini.

Il giorno 3 Marzo 2018, alle ore 12, presso l’Aula Paolo VI in Vaticano, Papa Francesco riceverà in udienza privata una delegazione dei professionisti della Federazione Italiana Collegi IPASVI.

Per ogni Collegio è prevista la possibilità di partecipazione di tutti i membri del Consiglio Direttivo, del Collegio dei Revisori dei conti e un numero, oltre questo, pari all’1% degli iscritti.

Resta inteso che i membri del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori dei conti, saranno coloro che comporranno i summenzionati Consiglio e Collegio in seguito alle elezioni del 26, 27 e 28 gennaio 2018.

Per il Collegio di Trento i posti disponibili sono 43, corrispondenti all’1% degli iscritti.

Coloro che sono interessati a partecipare all’iniziativa sono invitati ad inviare una e-mail di richiesta all’indirizzo info@ipasvi.tn.it entro e non oltre il 31 gennaio 2018 indicando cognome, nome, data di nascita, codice fiscale e recapito telefonico.

Le presenze sono nominative. Sarà redatta una graduatoria sulla base di data e ora di arrivo della richiesta e-mail garantendo una partecipazione proporzionale al numero degli iscritti ai 3 albi.

Le richieste oltre la 43esima, saranno messe in “lista di attesa” e al termine della comunicazione da parte di tutti i Collegi, se dovessero rimanere posti liberi, saranno inserite nelle presenze dell’evento. Sarà nostra cura avvisare prontamente gli interessati.

Il Collegio di Trento provvederà a fornire i nominativi alla Federazione entro il 2 febbraio secondo quanto indicato dalla stessa.

Le spese di trasporto e di eventuale soggiorno dei partecipanti sono a carico del singolo iscritto, ivi inclusi i membri del Consiglio e del Collegio dei Revisori.

In seguito, sarà reso noto agli interessati il protocollo che il Vaticano indicherà, sui tempi di presentazione ai cancelli, sulla necessità di essere muniti di documento di riconoscimento ecc.

Preme sottolineare la singolarità dell’evento che richiede necessariamente l’impegno di tutti per la massima precisione, puntualità e organizzazione.

La Presidente

Luisa Zappini

 

 

Obblighi formativi ECM triennio 2017-2019

Si informano i Collegi in indirizzo che la Commissione nazionale per la formazione continua, nella riunione del 4 novembre 2016, ha approvato i nuovi obblighi formativi Ecm che per il triennio 2017-2019 sono pari a 150 crediti formativi fatte salve le decisioni della Commissione nazionale per la formazione continua in materia di esoneri, esenzioni ed eventuali altre riduzioni.

L’art. 1 prevede un sistema premiante per i professionisti virtuosi disponendo che:

 i professionisti che nel triennio 2014-2016 hanno compilato e soddisfatto il proprio dos-
sier formativo individuale hanno diritto alla riduzione di 15 crediti dell’obbligo formativo

nel presente triennio formativo (Determina della CNFC del 10 Ottobre 2014);

 i professionisti sanitari che nel triennio (2014-2016) hanno acquisito un numero di crediti

compreso tra 121 e 150 hanno diritto alla riduzione di 30 crediti dell’obbligo formativo

nel triennio 2017-2019. Coloro che hanno acquisito un numero di crediti compreso tra 80

e 120 hanno diritto alla riduzione di 15 crediti.

Si prevede che, fermo restando l’obbligo di 150 crediti al netto di esoneri, esenzioni e

riduzioni, non è più previsto l’obbligo di acquisire, comunque ogni anno, mediamente 50 cre-
diti più o meno il 50%, ma si prevede anche la possibilità che per un anno il professionista

possa non acquisire alcun credito.

Nella riunione del 13 dicembre la Commissione nazionale Ecm ha deliberato, inoltre, in

materia di:

1. Dossier formativo:

 il Dossier formativo (Df) che può essere individuale (Dfi) e di gruppo (Dfg) rappresenta

l’espressione della programmazione dell’aggiornamento nel tempo e della coerenza della

formazione/aggiornamento rispetto alla professione, alla disciplina, alla specializzazione,

al profilo di competenze nell’esercizio professionale quotidiano, nonché quale strumento

idoneo a rilevare i bisogni formativi dei professionisti e ad indirizzare e qualificare

l’offerta formativa da parte dei provider;

 la definizione del dossier formativo individuale o di gruppo consentirà ad ogni professio-
nista di vedersi riconosciuta una riduzione di n. 30 crediti per il triennio 2017-19 quale

bonus per il professionista. Il bonus viene erogato al realizzarsi di tutte le seguenti condi-
zioni:

a) costruzione del dossier;

b) congruità del dossier con il profilo e la disciplina esercitata;

c) coerenza relativamente alle aree - pari ad almeno il 70% - tra il dossier programmato e

quello effettivamente realizzato.

Ai Presidenti dei Collegi Ipasvi

LORO SEDI

Il bonus quale riduzione dell’obbligo formativo del singolo professionista, è quantificato

nella misura di 30 crediti formativi, di cui 10 assegnati nel triennio 2017-2019 se il pro-
fessionista costruirà un dossier individuale ovvero sarà parte di un dossier di gruppo co-
struito da un soggetto abilitato nel primo anno del corrente triennio. Gli ulteriori 20 crediti

di bonus saranno assegnati nel triennio successivo rispetto a quello in cui si è costruito il

dossier, qualora il dossier sia stato sviluppato nel rispetto dei principi di congruità e coe-
renza di cui sopra.

2. Recupero crediti Ecm non acquisiti nel triennio 2014-2016:

 a tale proposito si prevede, che tutti i professionisti che nel triennio 2014-2016 non hanno

adempiuto completamente all’obbligo (150 al netto di esoneri ed esenzioni) ma che hanno,

comunque, acquisito almeno la metà dei crediti dovuti, avranno tempo tutto l’anno 2017

per regolarizzare la propria posizione. infatti si potranno recuperare sino al 50% dei crediti

complessivi dovuti nel triennio;

 per conoscere il numero esatto dei crediti dovuti nel triennio si invitano tutti i colleghi a

registrarsi e consultare la propria anagrafica sul Co.Ge.A.P.S.

Nella riunione del 13 dicembre la Commissione ha altresì approvato la nuova delibera

per i “Criteri per l’assegnazione dei crediti alle attività Ecm” che sostituisce la precedente re-
golamentazione a partire dagli eventi che saranno accreditati nel 2017.

 

Delibera della CNFC in materia di crediti formativi ECM

Delibera criteri assegnazione ECM

 

Comunicato della Federazione

Questa Federazione, presa visione all’infografica in cui si definiva uno pseudo mansionario dell’infermiere del tutto fuori contesto e lontano dalla realtà della nostra professione, apparso sull’inserto Salute di Repubblica del 20 settembre u.s., si è attivata ed ha inviato una lettera  al direttore di La Repubblica, Dr. Mario Calabresi, per sottolineare sia l’errore nella pubblicazione, sia il danno, sia la reale consistenza della professione infermieristica.

Cordiali saluti.

La presidente

Barbara Mangiacavalli

Leggi la lettera